Il Circolo Numismatico Patavino ha prodotto nel corso degli anni medaglie celebrative in occasione di particolari eventi o ricorrenze sociali, Collaborando con Maestri incisori si alto  con la finalità di ricordare la numismatica a Padova. Sottostante la descrizione delle medaglie prodotte (Catalogazione a cura di Giancarlo Cerabino)


2016- 50° Anniversario della fondazione del Circolo Numismatico Patavino

 bordo liscio, emessa  in bronzo commemorante il 50° anno della fondazione del CIRCOLO NUMISMATICO PATAVINO 1966-2006.

2016 Medaglia 50mo D DSC_0002

Autore maestro Giuseppe Grava

Conio : Picchiani & Barlacchi Firenze

Caratteristiche tecniche:

-bronzo  peso gr 108,30  diametro mm 59 spessore massimo mm 6

dritto rivisitazione del carro, simbolo della signoria padovana dei carraresi del XIV sec., circondata dalla scritta Circolo Numismatico Patavino. Il disegno è stato altresì adottato da fine aprile 2016 quale nuovo logo della associazione.

rovescio riproposizione del primo logo adottato dalla associazione nel lontano 1966 . Rappresentato da San Prosdocimo benedicente (uno dei patroni di Padova) così come disegnato sul ducato d’oro di Padova coniato dalla famiglia carrarese per la città di Padova. Intorno la scritta “1966-2016 50mo anniversario fondazione del Circolo Numismatico Patavino”

 


 

2006- 40° Anniversario della fondazione del Circolo Numismatico Patavino

bordo liscio, emessa  in argento e bronzo commemorante il 40° anno della fondazione del CIRCOLO NUMISMATICO PATAVINO 1966-2006. Ideata dal C.N.P.

medaglia 40 Rmedaglia 40 D

Autore maestro Giuseppe Grava

Conio Stabilimento Johnson di Milano

Caratteristiche tecniche:

-argento 925%o peso gr 110,70 diametro mm 59 spessore massimo mm 6

-bronzo  peso gr 108,30  diametro mm 59 spessore massimo mm 6

dritto: nel centro del campo la porta muraria a tutto sesto di accesso alla città di Padova, riprodotta in bassorilievo. Dalla porta muraria più interna si apre a ventaglio la strada (simboleggiante la conoscenza che si espande verso tutti) e sulla stessa, in tre righe: 40°   FONDAZIONE   1966-2006. Il tutto contenuto dalla scritta in rilievo lungo il bordo: CIRCOLO NUMISMATICO PATAVINO. A destra in basso e lungo il bordo il codice identificativo alfanumerico della Johnson ed il titolo 925 (solo per la medaglia d’argento);

rovescio: due figure femminili nude coricate sul fianco si inseguono lungo il bordo (simboleggianti la continuità tra numismatica antica e moderna) fanno da contorno ad un tesoretto centrale di monete.


2003- II°   CONGRESSO   INTERNAZIONALE   DI NUMISMATICA   Assemani symposium   sulla monetazione   islamica e  50° convegno del Circolo Numismatico Patavino

bordo liscio, emessa  in bronzo dorato, celebrante il 50° Convegno Numismatico dell’1-2 nov. 2003, riportante la Gran Guardia vista da Piazza dei Signori, il Duomo ed il Battistero, affrescato da Giusto Menabuoi. Entrambe le medaglie hanno lo stesso motivo grafico al dritto. La medesima medaglia, però in argento, riporta al rovescio scritte diverse ed è stata emessa congiuntamente da vari Enti Pubblici e da privati.

medaglia 50 convegno CNP -2003 Dmedaglia 50 convegno CNP -2003 R

Autore prof. Tonino Cortese

Conio Stabilimento Fratelli Pazzaglia di Pisa

Caratteristiche tecniche:

-argento 800%o peso gr 150,30 diametro mm 60 spessore massimo mm 8

-bronzo dorato    peso gr 138,00  diametro mm 60 spessore massimo mm 8

dritto uguale per entrambe le medaglie: veduta prospettica da Piazza dei Signori della facciata del Palazzo della Gran Guardia e, sullo sfondo, del Duomo con il Battistero in altorilievo decrescente. All’esergo, su due righe: PADOVA in orizzontale e GRAN GUARDIA°BATTISTERO lungo il bordo circolare.

Di fianco a destra l’autore T. Cortese.

rovescio diverso per ciascuna delle due medaglie:

a) medaglia d’argento:

nel campo, in dieci righe orizzontali: II°   CONGRESSO   INTERNAZIONALE   DI NUMISMATICA   Assemani symposium   sulla monetazione   islamica  Padova 17 Maggio 2003   Circolo Numismatico   Patavino. Al di sotto il codice identificativo di Pazzaglia ed il titolo di fino dell’argento 800%o.

Nella cornice di due cerchi, che contiene le soprastanti scritte, su due righe concentriche, in senso orario partendo da sinistra, si ha: nella riga esterna: COMUNE DI PADOVA ° SOCIETA’ NUMISMATICA ITALIANA ° THE ORIENTAL NUMISMATIC SOCIETY ° nella riga più interna: UNIVERSITA’ DI PADOVA ° GIULIO BERNARDI & GIOVANNI PAOLETTI TRIESTE °

b) medaglia in bronzo dorato:

nel campo, su sei righe orizzontali: 50°   CONVEGNO   NUMISMATICO   PADOVA   1-2 NOVEMBRE   2003. Nella cornice di due cerchi, che contiene le soprastanti scritte, su una riga, in senso orario partendo da sinistra, è scritto: CIRCOLO NUMISMATICO PATAVINO


2000- : 1°   Congresso Internazionale di Numismatica di Padova

bordo esterno liscio emessa  in bronzo dorato riportante il Palazzo della Ragione e la torre civica di Padova.

Autore professor Tonino Cortese     Conio Stabilimento Fratelli Pazzaglia di Pisa

Caratteristiche tecniche:

-bronzo dorato peso gr 163,60         diametro mm 60 spessore massimo mm 11

dritto: veduta prospettica da Piazza della Frutta della facciata del Palazzo della Ragione con la torre civica, in altorilievo decrescente.

In basso a destra T.Cortese.

rovescio: nel campo le scritte, in otto righe orizzontali: 1°   CONGRESSO INTERNAZIONALE   DI NUMISMATICA – 31 MARZO-2 APRILE 2000 – CIRCOLO NUMISMATICO PATAVINO – PADOVA

Nella doppia cornice è scritto in senso orario partendo da sinistra: UNIVERSITA’DI PADOVA° COMUNE DI PADOVA ° REGIONE VENETO°

1993 – Palazzo della Regione

bordo esterno liscio emessa in argento e bronzo dorato riportante il Palazzo della Ragione e torre civica di Padova.

medaglia D ccnm 1993 medaglia R ccnm 1993

 

 

 

 

Autore prof. Tonino Cortese

Conio Stabilimento Fratelli Pazzaglia di Pisa

Caratteristiche tecniche:

-argento 800%o peso gr 197,80 diametro mm 60 spessore massimo mm 11

-bronzo dorato     “   “ 166,30              “         “   60   “           “           “   11

 dritto: veduta prospettica da Piazza della Frutta del Palazzo della Ragione con la torre civica in altorilievo decrescente. In basso verso destra T.Cortese.

rovescio: nel campo le scritte, in sette righe orizzontali: PALAZZO DELLA RAGIONE – “PIETRO COZZO   QUESTA MOLE IDEO’   1172   PADOVA REPUBBLICA   ROMANAMENTE   COMPI’ 1219” –

Nella doppia cornice è scritto: CIRCOLO NUMISMATICO PATAVINO°1993°

Lungo il bordo destro il codice identificativo alfanumerico ed il titolo 925 (solo per l’argento).


1992-  IV centenario dell’arrivo di Galileo Galilei a Padova 1592-1992 e   25° Anniversario del Circolo Numismatico Patavino

medaglia D ccnm 1992 galileo medaglia R ccnm 1992 galileo

Autore prof. Tonino Cortese

Conio Stabilimento Fratelli Pazzaglia di Pisa

Caratteristiche tecniche:

 -argento 925%o peso gr 104,10 diametro mm 59 spessore massimo mm 6

-bronzo     peso g  103,90    diametro mm 59 spessore massimo mm 6

dritto: nel centro del campo il busto a testa scoperta rivolta a sinistra – ricavato da un’incisione dell’epoca, conservata nell’Università di Padova – con il nome dell’autore, T. Cortese, nella manica sinistra. Nella doppia cornice circolare che lo contiene vi è scritto in senso orario: IV CENTENARIO GALILEO GALILEI A PADOVA°1592 – 1992°;

rovescio: riproduzione del cannocchiale astronomico su treppiede – da lui inventato – puntato verso i pianeti e le stelle che osservava, posato sulla sommità della Torlonga (Castello dei Carraresi). A sinistra del cannocchiale la scritta in quattro righe: UNIVERSA   UNIVERSIS   PATAVINA   LIBERTAS.

Nella doppia cornice circolare vi è scritto: CIRCOLO NUMISMATICO PATAVINO °25° ANNIVERSARIO°. Lungo il bordo destro il codice identificativo alfanumerico ed il titolo 925 (solo per l’argento).


1991- Presa di Padova da parte dei Carraresi

bordo liscio emessa in argento e bronzo commemorante la presa di Padova da parte dei Carraresi

medaglia R cnp 1991 carraresimedaglia D cnp 1991 carraresi

 

 

 

 

Autore prof. Tonino Cortese     Conio Stabilimento Granero di Pieve di Tesino

Caratteristiche tecniche:

-argento 925%o peso gr 103,80 diametro mm 59 spessore massimo mm 6

-bronzo               “   “ 108,20         “     “   59            “        “        “ 7

dritto: nel centro del campo il blasone nobiliare dei Signori da Carrara, formato da un cimiero (elmo avvolto da un manto, sormontato dal saraceno cornuto ed alato) carro stilizzato a quattro ruote contenuto in un cartiglio; su entrambi i lati la lettera F in grafia gotica (è l’iniziale di Francesco I “il vecchio” 1350-1388). Lungo il bordo a destra, l’autore T.Cortese;

rovescio: Pianta della città antica di Padova tratta dalla mappa di V. Dotto (1623) con tracciato delle mura due-trecentesche della città con evidenziato, in particolare, il castello/fortezza ed il suo collegamento alla reggia mediante il “traghetto” (passaggio su archi in muratura) al di sotto la scritta in grafia gotica PADUE. Sul suo lato sinistro della medaglia lungo il bordo, vi è la scritta: CIRCOLO NUMISMATICO PATAVINO e, sotto, 1991; lungo il bordo destro la scritta E.GRANERO con il suo codice identificativo alfanumerico ed il titolo 925 (solo per l’argento).


 

1990- Francesco Petrarca

bordo liscio emessa in argento e bronzo in onore di Francesco Petrarca, nato ad Arezzo nel 1304 e morto ad Arquà nel 1374

Autore prof. Massimo Facchin   Conio Stabilimento Granero di Pieve di Tesino

Caratteristiche tecniche:

 -argento 925%o peso gr 104,20 diametro mm 60 spessore massimo mm 7

-bronzo               “   “ 107,20               “         “   60            “        “        “ 7

dritto: nel centro del campo testa laureata di profilo del Petrarca volta a sinistra e, a lui di fronte, la scritta ricurva franciscus. Lungo il bordo, al di sotto della testa, l’incisore M.Facchin. Il ritratto di Petrarca è ricavato dalla miniatura del Codice dell’anno 1463 della Biblioteca Laurenziana di Firenze; a destra il codice identificativo alfanumerico ed il titolo del metallo 925 (solo per l’argento)

rovescio: figura pressoché intera a ¾ rivolto a sinistra del Petrarca, con la mano destra posata sulla sommità di un muretto di pietre e con un libro nella mano sinistra; sullo sfondo la sua casa di Arquà (donatagli dai Carraresi) e, più in fondo ancora, il profilo dei colli Euganei. Alle spalle di Petrarca e sul suo lato sinistro vi sono degli alberi e, lungo il bordo, la scritta in due righe: CIRCOLO NUMISMATICO   PATAVINO 1990; più sotto la scritta E.GRANERO.


1989- 600° anniversario della morte di Giovanni Dondi “dall’orologio

bordo liscio emessa  in argento e bronzo per il 600° anniversario della morte di Giovanni Dondi “dall’orologio”, nato a Chioggia intorno al 1330, filosofo, medico,astrologo, professore negli studi di Firenze, Padova, Pavia. Sepolto nella Cattedrale di Padova, accanto al padre.

Autore prof. Massimo Facchin   Conio Stabilimento Granero di Pieve di Tesino

Caratteristiche tecniche:

-argento 925%o peso gr 115,70 diametro mm 59 spessore massimo mm 6

-bronzo               “   “ 117,50               “         “   59             “        “        “ 7

dritto: nel centro del campo la figura di fronte a mezzo busto di Dondi mentre traccia segni sulla carta con strumenti da disegno, alla sua sinistra la torre di Piazza dei Signori in Padova, nella quale è inserito il suo astrarium (orologio celeste, astronomico-astrologico riproducente meccanicamente i movimenti orbitali dei sette pianeti del sistema solare, secondo l’astronomia matematica di Tolomeo. Fu realizzato a Pavia circa nell’anno 1370 per la signoria di Milano, andato distrutto in seguito ad un incendio; lungo il bordo superiore la scritta in due righe: DONDI DALL’OROLOGIO   1389-1989, di lato il nome dell’incisore M.FACCHIN; all’esergo la scritta in due righe ed a caratteri più piccoli: CIRCOLO NUMISMATICO   PATAVINO;

rovescio: a tutto campo prospettiva del meccanismo e, sul lato destro, la scritta ASTROLABIUM in verticale. Su una linea dritta lungo il bordo inferiore del bordo, a destra il codice identificativo alfanumerico ed il titolo del metallo 925 (solo per l’argento), a destra tra i piedi del meccanismo la scritta E.GRANERO.


1988- 650° anniversario della morte di Giotto 

sesta medaglia a campi piani e bordo liscio rialzato emessa dal C.N.P. in argento e bronzo per il 650° anniversario della morte di Giotto.

Autore non conosciuto

Conio Lorioli Fratelli Milano

Caratteristiche tecniche:

-argento 800%o peso gr 99,70 diametro mm 60 spessore massimo mm 7

-bronzo             “     “ 105,00    “           “   60     “             “         “   8

dritto: nel centro del campo, in cornice a quadrifoglio con bordo rialzato, la testa del pittore con berretto volto di profilo verso destra, all’interno dei lobi del quadrifoglio, dall’alto ed in senso antiorario, le scritte: 650°   ANNIVERSARIO   DELLA MORTE GIOTTO; negli spazi esterni tra un lobo e l’altro, motivi ornamentali “alati”;

rovescio: nel campo ed all’interno di un contorno quadrilobato è riprodotta prospetticamente di ¾ la Cappella degli Scrovegni, dove vi sono i celeberrimi affreschi di Giotto. All’interno dello stesso contorno, le scritte orizzontali: sopra 1988, sotto CAPPELLA DEGLI SCROVEGNI e, più sotto ancora: CIRCOLO NUMISMATICO   PATAVINO.

Su una linea dritta lungo il bordo inferiore del contorno, la sigla LORIOLI a destra ed a sinistra il suo codice identificativo alfanumerico ed il titolo del metallo 800 (solo per l’argento)


1987 – gabriele d’Annunzio

campi piani e bordo liscio emessa  in argento e bronzo per il Convegno Numismatico annuale del Circolo Numismatico Patavino.

Autore non conosciuto                                 Conio Lorioli Fratelli Milano

Caratteristiche tecniche:

 -argento 800%o peso gr 98,30 diametro mm 60 spessore massimo mm 5

-bronzo                  “ “ 105,80              “         “ 60               “        “     “   6

dritto: nel centro del campo scorcio prospettico di Prato della Valle in rilievo con alberi, statue ed il canale che circonda il centro alberato, con sullo sfondo il contorno della chiesa di Santa Giustina;

rovescio: nel campo è riportata un sonetto dedicato alla città di Padova e la firma del poeta Gabriele d’Annunzio, lungo il bordo superiore la scritta: CIRCOLO NUMISMATICO PATAVINO 1987.

Su una linea dritta lungo il bordo inferiore, la sigla LORIOLI con il suo codice identificativo alfanumerico ed il titolo del metallo 800 (solo per l’argento)


1986 – Passaggio cometa di Halley el 20° anniversario della fondazione del Circolo Numismatico Patavino

a campi piani e bordo liscio emessa  in argento e bronzo per ricordare il passaggio della cometa di Halley ed il 20° anniversario della fondazione del Circolo Numismatico Patavino.

Autore non conosciuto                                   Conio Lorioli Fratelli Milano

Medaglia CNP 1986 cometa DMedaglia CNP 1986 cometa R

Caratteristiche tecniche:

 -argento 800%o peso gr 98,40 diametro mm 60 spessore massimo mm 5

-bronzo                  “ “ 106,60              “         “   60               “        “     “   6

dritto: nel centro del campo vista prospettica in rilievo di ¾ della Torlonga con l’osservatorio astronomico (specola), con le scritte lungo il bordo: superiormente: PASSAGGIO DELLA COMETA DI HALLEY, inferiormente, in caratteri più piccoli   PADOVA-LA SPECOLA;

rovescio: nel campo, centralmente in basso, è riprodotto il logo del Circolo Numismatico Patavino, ricavato dal dritto dell’unica e rara moneta aurea coniata dai Carraresi – conservata presso il civico museo Bottacin di Padova – riportante nel cartiglio quadrilobato il busto frontale mitrato con la mano destra benedicente e con pastorale nella mano sinistra di San Prosdocimo, uno dei protettori della città di Padova insieme a S. Daniele e S. Giustina; su due righe orizzontali nel campo vi sono le scritte: 20°   ANNIVERSARIO   Lungo il bordo superiore: CIRCOLO NUMISMATICO PATAVINO, su quello inferiore: 1966 – 1986.

Su una linea dritta lungo il bordo inferiore, la sigla LORIOLI con il suo codice identificativo alfanumerico ed il titolo del metallo 800 (solo per l’argento)


1985- 150 anniversario del Caffe Pedrocchi

campi piani e bordo liscio emessa  in argento e bronzo per la ricorrenza del 150° anniversario dello storico Caffè Pedrocchi, riprodotto da una vecchia stampa.

Autore non conosciuto

Conio Lorioli Fratelli Milano

Caratteristiche tecniche:

argento 800%o peso gr 96,80 diametro mm 60 spessore massimo mm 6

-bronzo      peso gr 117,90    diametro mm 60 spessore massimo mm 7

dritto: nel centro del campo vista prospettica in rilievo di ¾ di tutto l’immobile ove, al piano terra, è allogato lo storico caffè, con le scritte lungo il bordo: superiormente CAFFE’ PEDROCCHI, inferiormente PADOVA;

rovescio: nel campo, centralmente in basso, è riprodotto il logo del Circolo Numismatico Patavino, ricavato dal dritto dell’unica e rara moneta aurea coniata dai Carraresi –conservata nel civico museo Bottacin di Padova – riportante nel cartiglio quadrilobato il busto frontale mitrato con la mano destra benedicente e con pastorale nella mano sinistra di San Prosdocimo, uno dei protettori della città di Padova insieme a S. Daniele e S. Giustina; su quattro righe orizzontali nel campo vi sono le scritte: NEL 150° ANNIVERSARIO   DELLO STORICO CAFFE’ PEDROCCHI   PROMOTORE   IL CIRCOLO NUMISMATICO PATAVINO

Su una linea curva lungo il bordo inferiore, la sigla LORIOLI con il suo codice identificativo alfanumerico ed il titolo del metallo 800 (solo per l’argento)


1984 – Vista prospettica in rilievo della città di Padova

e bordo liscio, emessa  in argento e bronzo per l’annuale Convegno Numismatico Padovano, con veduta prospettica della città riprodotta da una vecchia stampa padovana.

medaglia cnp 1984

Autore non conosciuto   –

Conio Lorioli Fratelli Milano

Caratteristiche tecniche:

-argento 800%o peso gr 97,10 diametro mm 60 spessore massimo mm 5

-bronzo                  “ “ 105,10                    “     “ 60              “        “        “ 5

dritto: vista prospettica in rilievo della città di Padova, contenuta in una doppia cornice ellittica che, a sua volta, contiene le scritte: superiormente PATAVIUM, inferiormente MUSO MONS ATHESIS MARE CERTOS DANT MIHI FINES

– (fiume) Musone, montagna, (fiume) Adige, mare mi danno confini certi –

rovescio: nel campo, centralmente in alto, è riprodotto il dritto dell’unica e rara moneta aurea coniata dai Carraresi – conservata nel civico museo Bottacin di Padova – riportante nel cartiglio il busto frontale mitrato con mano destra benedicente e pastorale nella sinistra di San Prosdocimo, uno dei protettori della città di Padova con S. Daniele e S. Giustina, contornato dalla scritta: CIVITAS°PADUA°+.   Al di sotto, su due linee orizzontali CIRCOLO NUMISMATICO   PATAVINO. Lungo il bordo la scritta circolare CONVEGNO NUMISMATIO PADOVANO –1984– la sigla LORIOLI con il suo codice identificativo alfanumerico ed il titolo del metallo 800 (solo per la medaglia d’argento)


1983-  540° anniversario della morte del Gattamelata 

 bordo smussato emessa  in argento e bronzo nel 540.mo anniversario della morte del Gattamelata (Erasmo da Narni circa 1370-1443 Padova) capitano di ventura allora al servizio dei Carraresi, signori di Padova, che riconquistò Verona agli stessi sconfiggendo i Visconti.

MEDAGLIA-MEDAL-CITTA-DI-PADOVA-1983-OPUS-CREMESINI-PL102

Autore R. Cremesini  Conio Lorioli Fratelli Milano

Caratteristiche tecniche:

-argento 800%o peso gr 168,90 diametro mm 61 spessore massimo mm 10

-bronzo            peso gr 157,10           diametro mm  61    spessore massimo mm 10

dritto: al centro vista frontale della statua equestre su piedistallo del Gattamelata a testa nuda in armatura e bastone di comando nella mano destra – realizzata da Donatello e posta avanti al lato destro della basilica di S. Antonio ed il cui modello in legno è nel salone principale del Palazzo della Ragione di Padova –

Ai due lati della statua sono riprodotti i simboli riportati sulla rarissima moneta d’oro (ducato) emessa dai Carraresi, signori di Padova nel secolo XIV (un esemplare è conservato nel civico museo Bottacin di Padova): a sinistra vi è un cartiglio col busto frontale mitrato di San Prosdocimo (è uno dei santi protettori della città insieme a S.Daniele e S.Giustina) con la mano destra benedicente e quella sinistra reggente il pastorale, tutto è contornato dalla scritta CIRCOLO NUMISMATICO PATAVINO (è il logo del C.N.P.); a destra vi è un cartiglio con il carro stilizzato, contornato dalla scritta FRANCISCI D(E) CARRARIA.

Lungo il bordo della medaglia è scritto CIVITAS°PADUA in alto, 1983 in basso;

 rovescio: allegoria con due alberi (a sagoma umana) abbracciati frontalmente: quello “femminile” porta sui rami/braccia alcuni frutti. Ai suoi piedi a sinistra vi sono dei barattoli vuoti, sulla destra una antica colonna scanalata e crepata, nel mezzo del campo un moncone caduto di colonna o trabeazione e, sullo sfondo, il globo solare radiato che sorge. Sul bordo inferiore R.Cremisini e, nella parte sinistra del campo, LORIOLI con il suo codice alfanumerico ed 800 (titolo per il solo argento).